GRETA’S BOOKS A WOPART 2017

GRETA’S BOOKS A WOPART 2017

Senza categoria

Greta’s Books è presente alla fiera d’arte di Lugano WopArt dal 14 al 17 settembre con le sue ultime pubblicazioni editoriali in campo fotografico: cataloghi che rispecchiano un attento lavoro artigianale, una stampa d’altissima qualità accompagnata da scelte grafiche che esaltano il percorso progettuale della singola ricerca. Inoltre sono disponibili gli ultimi numeri di #AImagazine – The Art Review e di AIM – The Book of Visual Arts., due riviste ormai punto di riferimento per l’arte contemporanea, la fotografia, l’architettura e il design.

Per l’occasione BAG Gallery, presso lo stand Greta’s Books, allestisce un percorso fotografico con quattro autori con cui ha collaborato negli ultimi anni: Paolo Simonazzi con una selezione della sua lunga ricerca sul concetto stesso di provincia, fotografie che raccontano un piccolo mondo che ancora resiste e afferma la propria identità; Raffaella Benetti con una serie di immagini che rileggono in chiave contemporanea il topos della vanitas; Gianni Pezzani con il suo progetto Mouches à lire, mosche appoggiate su pagine di libri attentamente scelti, come fossero gli ultimi lettori sopravvissuti e Diego Chiarlo che con coerenza poetica prosegue il suo lavoro metafotografico, sulle potenzialità e i limiti stessi del mezzo.
Un confronto diretto tra la stampa fotografica e il prodotto editoriale, un rapporto stretto di naturale trasformazione: un modo per capire e osservare l’immagine sotto molteplici punti di vista.

Share this!
Share
Al di là dell’acqua – Massimiliano Camellini

Al di là dell’acqua – Massimiliano Camellini

Eventi News

Giovedì 6 luglio 2017 alle ore 18.00

inaugurazione della mostra fotografica di Massimiliano Camellini
‘Al di là dell’acqua‘

Museoteatro della Commenda di Prè, Genova, secondo piano
Piazza della Commenda, 1 Genova

Giovedì 6 luglio 2017 alle ore 18.00, presso il Museoteatro della Commenda di Prè, inaugurazione della mostra fotografica “Al di là dell’acqua”, 14 opere del fotografo Massimiliano Camellini realizzate all’interno di navi cargo, curata da Andrea Tinterri, critico e direttore del gruppo BAG Gallery, con allestimenti a cura di Nicola Pinazzi, architetto partner del team. Scatti di luoghi privati, sull’organizzazione di un guscio in cui vivere, cabine, letti, comodini carichi di ricordi, tavole pronte per un pasto. Un labirinto di stanze all’interno del quale orientarsi, un oblò o una finestra per una vista in continuo cambiamento. Presenzieranno all’opening, il giorno 6 luglio alle ore 18: Angelo Chiarlo, Branch Manager Shipping Group M.O.L., Donatello Bellomo, scrittore ed autore di “L’uomo del cargo”, Emanuele Messina in rappresentanza della famiglia Messina, Marina Mannucci, relazioni esterne del Mu.MA.
Per l’occasione, performance di Mario Mariani, piano-artist.
La mostra è accompagnata dal catalogo in italiano e inglese edito da Greta’s Books con le immagini dell’intero progetto.
L’evento, con i patrocini della Regione Liguria, del Comune di Genova, della Camera di Commercio di Genova, del Capitolo Italiano della Royal Photographic Society, e del Laboratorio di Storia Marittima e Navale – DAFIST (Dipartimento di Antichità, Filosofia e Storia) dell’Università di Genova, è organizzato da BAG Gallery (Parma – Pesaro), in collaborazione con Mu.MA – Musei del Mare e delle Migrazioni, Associazione Promotori Musei del Mare e della Navigazione, Cooperativa Solidarietà & Lavoro, Associazione Zeitgeist Group e Doc SAI – Archivio Fotografico del Comune di Genova.

 

Info
BAG Gallery / bag.gallery.parma@gmail.com | bag.gallery.pesaro@gmail.com
Bildung Inc. / BDG press / +39 338.1404626 – +39 366.1977633
www.bag-gallery.com

Press Office Costa Edutainment spa
Eleonora Errico
tel. 010 2345322
stampagalata@costaedutainment.it

Mu.MA – External Relations – Communication
Marina Mannucci
tel. 010 2512435, cell. 339 7150439
mmannucci@muma.genova.it
www.muma.genova.it

Share this!
Share
PRESENTAZIONE #AIMAGAZINE | THE ART REVIEW SUMMER 2017, NR. 76

PRESENTAZIONE #AIMAGAZINE | THE ART REVIEW SUMMER 2017, NR. 76

Eventi News

COMUNICATO STAMPA:

Christina Magnanelli Weitensfeder, editore della casa editrice Greta’s Books e il direttore artistico Andrea Tinterri sono lieti di invitarvi alla presentazione del nuovo numero de l’ #AImagazine – The Art Review.

 

LUOGO: MILANO, libreria Gogol & Company

QUANDO: giovedì 29 giugno 2017, ore 19.00

COSTO DEL BIGLIETTO: ingresso gratuito

E-MAIL INFO: relations.aimag@gmail.com

SITO UFFICIALE: http://www.ai-magazine.it/

 

PRESENTAZIONE #AIMAGAZINE | THE ART REVIEW SUMMER 2017, NR. 76

Numero speciale dedicato a: ‘Le Identità’.

 

Giovedì 29 giugno alle ore 19 si presenta il nuovo numero del quadrimestrale d’arte #AImagazine – The Art Review, nr.76 – Summer 2017 della casa editrice italiana Greta’s books.

A Milano, alla libreria Gogol & Company in via Savona 101 Andrea Tinterri, direttore artistico della rivista, Francesco Jodice e il collettivo Discipula racconteranno lo stato dell’arte, partendo dal principio che senza documentazione non esistono i fatti, e quindi forse neanche l’arte stessa.

Un’importante occasione per discutere di editoria d’arte, dello stato della cultura in Italia, che esiste eccome, e di come artisti, fotografi e designer si relazionano con la pagina stampata, in un momento di riscoperta quasi rinascimentale e di quanto sia importante la valorizzazione della forma cartacea: un vero strumento di storicizzazione e conservazione della contemporaneità.

A tutti i partecipanti verrà fatto omaggio di una copia della rivista e di una stampa numerata da collezione.

Modera Luca Zuccala, capo redattore di ArtsLife, piattaforma on-line dedicata al mondo dell’arte e del collezionismo, partner di #AImagazine The Art Review, dal 1 giugno 2017.

 

RSVP

 

BILDUNG Inc. / BDG press / +39 366.1977633

 

Ingresso gratuito

 

Libreria Gogol & Company

Via Savona 101, Milano

 

#AImagazine – The Art  Review

 

www.ai-magazine.it | FB AI magazine | relations.aimag@gmail.com

Greta’s Books | www.gretaedizioni.com

Share this!
Share

Francesco Diotallevi. Bad Stories – BAG Gallery, Parma

Eventi News

 

Francesco Diotallevi

BAD STORIES

a cura di Domenico Russo

 

INAUGURAZIONE

ore 18.00 – venerdì 9 giugno 2017

 BAG Gallery – Parma

Centro storico, Borgo Ronchini 3

(ingresso libero)

Orari di apertura:

giovedì – domenica | 16.00 – 21.00

(anche su appuntamento)

www.bag-gallery.com

 

 

Alle ore 18.00 di Venerdì 9 giugno inaugura la mostra di Francesco Diotallevi presso BAG Gallery, a Parma: “BAD STORIES” a cura di Domenico Russo. Diotallevi è l’artista della consapevolezza, dell’ironia e del coraggio. Si forma nel concettuale e nell’informale d’area bolognese, rompe con queste tradizioni per impiegare la pittura come narrazione della vita, nei suoi aspetti ironici e tragici, soprattutto tragicomici.

Nei lavori raccolti del gruppo di opere “BAD STORIES” si nota come egli sia in grado di sfruttare la potenza della comunicazione sarcastica per capovolgere il reale, opponendole frames in cui strampalati personaggi obbediscono a un gioco superiore, nelle loro linee scure, su colori accesi e accattivanti. Una piattaforma bidimensionale senza prospettiva è lo spazio iconico, dove esseri umani o animali perdono il loro senso in continui scivolamenti d’identità, talvolta incespicando verso la propria fine e raggiungendo, in ultimo, la loro forma definitiva.

Sono opere irresistibili, caramelle gommose a forma d’orsacchiotti di mille colori, giuggiole dal sapore vagamente e sorprendentemente amaro da far increspare il volto per l’acre gusto dell’esistenza che sprigionano in bocca. Non alcuni dei tanti placebo che ogni giorno ingoiamo sterilmente, ma la pillola rossa per l’accesso alla stasi della riflessione, contro l’immediatezza del linguaggio della mercificazione privo di contenuti.

Con l’utilizzo e la messa a nudo di alcune regole trappola del sistema comunicativo pubblicitario, dopo la prima fase di fascinoso divertimento, Diotallevi stimola il ragionamento avviando la seconda fase, quella d’ingresso nel processo d’elaborazione del pensiero dell’osservatore, perché solo svolgendo i segni e i simboli dell’opera, essa si completa sublimandosi nella mente di chi vi approccia. Sono storie e sono giochi, sono tele e sono itinerari lungo i quali i soggetti viaggiano dal supporto agli occhi, dallo sguardo alla mente grazie a un linguaggio personalissimo strutturato con la grammatica universale dell’ironia con la quale Diotallevi spezza i codici genetici di un’arte per addetti ai lavori, per dare vita a un crossing-over estetico segreto, un messaggio sottile di stili per una rappresentazione immediata degli inciampi della vita.

 

BAD STORIES

Francesco Diotallevi

INAUGURAZIONE: venerdì 9 giugno 2017 – ore 18.00

BAG Gallery Parma, Borgo Ronchini 3 (centro storico)

10 giugno – 9 luglio 2017

 

Contatti per la stampa

 

BDG Press

+39 338.1404626 | +39 366.1977633

relationship.bdg@bildung-inc.com

 

 

BAG GALLERY

Pesaro, Via Passeri 95, 61121 (IT) | bag.gallery.pesaro@gmail.com

Parma, Borgo Ronchini 3, 43121 (IT) | bag.gallery.parma@gmail.com

 

With ZEITGEIST Art Exhibit Group

Informazioni generali: zeitgeist.pesaro@gmail.com

Share this!
Share
Franco Summa – SummaArs – BAG Gallery, Parma

Franco Summa – SummaArs – BAG Gallery, Parma

Eventi News

Franco Summa
SUMMAARS

INAUGURAZIONE
ore 18.00 – venerdì 24 marzo 2017
BAG Gallery , Borgo Ronchini, 3, Parma

Venerdì 24 marzo alle ore 18.00 presso la BAG Gallery di Parma inaugura la mostra SUMMAARS dell’artista Franco Summa curata da Andrea Tinterri. Il percorso vuole evidenziare l’importanza della progettualità dell’artista a partire dalla fine degli anni Sessanta. Il suo studio sul colore attraverso cui ricodificare lo spazio urbano: luoghi che quotidianamente frequentiamo tradotti attraverso una cromia che disorienta il nostro passaggio. Come “Segnaletica Spirituale” opera del 1971, realizzata affiggendo fogli serigrafici in diversi contesti urbani, quali controsegnali che non prescrivono, non impongono, non obbligano, ma attraverso forme e colori sollecitano pensieri ed emozioni. Lo storico dell’arte Giulio Carlo Argan ne ha sottolineato la qualità della dimensione “politica” intesa come attenzione ai temi urbani: “Summa ha fatto oggetto di uno studio speciale, e metodologicamente bene orientato, un problema di psicologia e sociologia urbana: come disintossicare l’ambiente visivo della città moderna. Come c’è un inquinamento atmosferico c’è, prodotto da cause affini, un inquinamento visivo; lo determina, in gran parte, la pubblicità, che costituisce indubbiamente uno degli agenti dell’alienazione urbana. La città moderna e un sistema di informazione, la pubblicità e informazione visiva. È dunque necessaria una bonifica della pubblicità: come contenuto informativo, modo e ritmo dell’informazione. La ricerca di Summa verte su questi tre punti; e mi sembra interessante che, al di là dei risultati indubbiamente positivi dell’indagine, Summa abbia considerato anche il problema del rapporto tra il cartello pubblicitario reiterato, come elemento della struttura visiva effimera, e le strutture visive permanenti e, talvolta, storiche.”
È in questo meccanismo che Franco Summa si inserisce in quell’idea di riappropriazione dello spazio pubblico, esibita spesso anche attraverso atti performativi come la pittur-azione del 1974 realizzata in occasione del referendum per l’abrogazione del divorzio: cittadini che con una bomboletta testimoniavano il loro NO su una grande tela stesa a terra. Azioni che spesso intrecciano il significato del colore con quello della scrittura: In mostra alla BAG Gallery di Parma vengono ripresentati, per la prima volta, gli elementi costitutivi del grande portale di ingresso, che rappresentavano l’introduzione alla visita della Biennale d’Arte Internazionale di Venezia del 1978, le grandi lettere metalliche dipinte della scritta SUMMAARS, (grande arte, vertice dell’arte). Un’identificazione tra l’artista e l’azione stessa, la necessità di esporsi in prima persona denunciando, con chiarezza, la propria appartenenza. Un lavoro che si fa politico, partecipato, intransigente.
Nel giorno dell’inaugurazione sarà presente l’artista che introdurrà il percorso espositivo della mostra, contestualizzando il suo lavoro nel panorama dell’arte del Novecento.
Coordinamento generale del progetto: Arch. Nicola Pinazzi.

Franco Summa
SUMMAARS

INAUGURAZIONE: venerdì 24 marzo – ore 18.00
BAG Gallery Parma (ITALIA)
25 marzo – 24 aprile 2017

Orari di apertura:
16.00 – 20.30 | giovedì – domenica (anche su appuntamento)
www.bag-gallery.com

CONTATTI PER LA STAMPA
BDG Press
mercoledì 10.00 – 14.00 | +39 0721.403988
+39 366.1977633
relationship.bdg@bildung-inc.com

BAG GALLERY
Pesaro, Via Passeri 95, 61121 | bag.gallery.pesaro@gmail.com
Parma, Borgo Ronchini 3, 43121 | bag.gallery.parma@gmail.com
direzione: +39 338.1404626

in collaborazione con:
ZEITGEIST Art Exhibit Group
zeitgeist.pesaro@gmail.com

Share this!
Share
Presentazione #AImagazine | The Art Review Winter 2017, n.75

Presentazione #AImagazine | The Art Review Winter 2017, n.75

Eventi News

Presentazione della rivista:

#AImagazine | The Art Review N.75 | Winter 2017

27 FEBBRAIO, lunedì, ore 18.30,

MUSEO BAGATTI VALSECCHI, SALONE D’ONORE

ingresso: Via Gesù, 5, Milano

Ne parleranno con il direttore Andrea Tinterri,

gli autori Guido Segni e Gianni Pezzani.

Modera l’incontro Luca Zuccala.

#AImagazine- The Art Review, Greta’s Books, Winter 2017

Oggi la globalizzazione della ricerca artistica ha portato alla luce confronti sempre

più aperti tra le numerose esperienze delle arti visive.

Arte, design, fotografia, architetture, new media art.

La diversità dei linguaggi appare in tutta la sua portata come un

fenomeno vitale, catartico che rende problematico il tentativo di classificazione degli stessi.

Ogni lingua racchiude una visione del mondo, un pensiero

che si sviluppa nel presente verso il futuro, la ‘vision’.

Questo patrimonio inestimabile ‘raccolto’ con accurata selezione

tra le pagine di carta viene restituito anche sulla piattaforma

on-line, nella consapevolezza che il web non ha

precedenti nella storia della veicolazione del Messaggio.

Bildung Inc. / BDG press / +39 366.1977633

PRESENTATION OF THE MAGAZINE:

#AImagazine | The Art Review | n.75 – Winter

ON MONDAY 27 FEBRUARY AT 6.30 PM AT THE MUSEO BAGATTI VALSECCHI, IN THE SALA D’ONORE

ENTRANCE IN: VIA GESÙ, 5

Joining the director Andrea Tinterri in the discussion will be

the authors Guido Segni and Gianni Pezzani.

The evening will be conducted by Luca Zuccala.

#AImagazine- The Art Review, Greta’s Books, Winter 2017

Nowadays, the globalisation of artistic research has brought to the surface ever-increasingly open encounters between the numerous forms of visual art.

Art, design, photography, new media art. The diversity of language appears in all its scope as a living

and cathartic phenomenon, which renders its classification problematic.

Each mode of communication represents a vision of the world, a thought which develops in the present towards the future, the ‘vision’.

This inestimable treasure, ‘collected’ through careful selection in the printed pages, is also available online, in the knowledge that the internet is unprecedented in its diffusion of the Message.

Bildung Inc. / BDG press / +39 366.1977633

Share this!
Share
Massimiliano Camellini | Al di là dell’acqua

Massimiliano Camellini | Al di là dell’acqua

Eventi News

AL DI LÀ DELL’ACQUA

Fotografie di Massimiliano Camellini

INAUGURAZIONE

ore 18.00 – venerdì 23 dicembre

BAG Gallery

(Parma)

Il prossimo 23 Dicembre presso BAG Gallery Parma inaugura la mostra di Massimiliano Camellini: ‘Al di là dell’acqua’. La prima tappa del progetto, ancora inedito, vede il fotografo frequentare gli spazi interni delle navi cargo: città stato galleggianti, dove è necessario ritrovare la nuova stabilità quotidiana; i luoghi del lavoro e i luoghi del riposo, gli spazi comuni e le stanze in cui custodire oggetti, totem e simulacri, tutti elementi capaci di ingannare la distanza dalla terra ferma, capaci di dissimulare quel moto continuo, quel nomadismo da ‘viaggiatori cronici’ contemporanei.

Camellini sceglie navi dalle provenienze geografiche differenti, in modo da intercettare abitudini distanti tra loro: quei residui accumulati nei corridoi, nelle camere, sui comodini, sui davanzali. E sono proprio quegli oggetti, quelle tracce a ricordare la presenza dell’uomo che, nelle fotografie di Camellini, scompare dalla scena. È un gioco di rimandi, di allusioni. Il lavoro è presente, ma sono gli strumenti a riportarlo alla luce: bussole, carte, passaporti. Come schermi di smartphone lasciati nelle proprie stanze a ricordare una relazione a miglia di distanza, un volto di donna, di ragazza. Oggetti simbolici che alludono ad una stabilità necessaria. Perché Camellini racconta un ossimoro, la ricerca di una prassi quotidiana all’interno di uno spazio mobile, in continuo moto verso una meta lontana nel tempo. E tutto succede all’interno della città/nave. Non ci è dato sapere dove si trova il mezzo, gli oblò lasciano trasparire solo paesaggi confusi, ovattati. Forse un porto, forse l’oceano mare, forse altro. Lo spazio si fa claustrofobico, le vie di fuga censurate, ma è proprio questo meccanismo che consente al racconto di farsi studio antropologico, ricerca sul viaggio, sulle abitudini scandite ora per ora. Le immagini ricostruiscono una successione temporale che delimita un’intera giornata: il sonno, il risveglio, il lavoro, i pasti, nuovamente il lavoro, lo svago, il gioco. Non ci sono distrazioni esterne che confondono la narrazione, solo il necessario, nemmeno il colore. Il bianco e nero consente una sintesi maggiore, forse estrema, e la possibilità di distanziare tutto quello che non interessa, tutto quello che rimane fuori da una città-stato, da un oblò che protegge dagli eventi esterni. ‘Al di là dell’acqua’ è un progetto fotografico itinerante di mostre e conferenze; a partire dal 2017 nella città di Genova. Nel’estate 2018 due appuntamenti londinesi. La mostra è accompagnata dal catalogo edito da Greta Edizioni.

BAG GALLERY

Due le sedi: Pesaro e Parma. Un contenitore libertario dove comprendere anche la discussione, il dibattito, il contraddittorio. Il marchio BAG GALLERY promuove il lavoro artistico con nuove e stimolanti forme in grado di avere un impatto sulla fotografia, sull’arte contemporanea e sulla cultura in generale. Presso le BAG GALLERY avviene l’incontro tra l’opera d’arte e l’esperienza possibile che ne può scaturire. Impegno, creatività e buon gusto il resto degli ingredienti.

MASSIMILIANO CAMELLINI

(Venezia, 1964). Negli anni novanta si avvicina alla fotografia di ricerca. Dal 2001 realizza progetti costituiti da serie di opere dedicate a temi universali. La prima serie è dedicata agli istinti e sogni dell’uomo: appartengono a questo ciclo Oltre le Gabbie (2001), I Volanti (2004), Duel (2006), Nuove Arene (2009), Il laboratorio dell’ossessione (2010), Ore 18.00, l’orario è finito (2012) e l’ultimo Al di là dell’acqua (2016). Frammenti nel tempo: ricerca nella realtà contemporanea segnali spazio-temporali per un’indagine antropologica dell’evoluzione dei contesti urbani: Tram-Frame è il primo lavoro del ciclo. Realizza collaborazioni fotografiche con il mondo del teatro. Vive e lavora tra Reggio Emilia e Milano.

AL DI LÀ DELL’ACQUA

Fotografie di Massimiliano Camellini

INAUGURAZIONE: venerdì 23 dicembre – ore 18.00

BAG Gallery Parma (ITALIA)

24 dicembre 2016 – 5 febbraio 2017

Orari di apertura:

16.00 – 21.00 | giovedì domenica (anche su appuntamento)

www.bag-gallery.com

CONTATTI PER LA STAMPA

BDG Press

lun – ven 10.00 – 14.00 | +39 0721.403988 | +39 366.1977633

relationship.bdg@bildung-inc.com

BAG GALLERY

Pesaro, Via Passeri 95, 61121 (IT) | bag.gallery.pesaro@gmail.com

Parma, Borgo Ronchini 3, 43121 (IT) | bag.gallery.parma@gmail.com

ZEITGEIST Art Exhibit Group

zeitgeist.pesaro@gmail.com

Partners

Dynamic Freight | Greenwill Consulting | Studio legale Terrano | Argenta | IPAN | ItalSempione | Bird & Bird | Coopservice | Integra Fragrances | Bartoli Cornici

Share this!
Share
Paolo Simonazzi – Mantua, Cuba

Paolo Simonazzi – Mantua, Cuba

Eventi News

Comunicato stampa

 

PAOLO SIMONAZZI

MANTUA, CUBA

21 novembre > 5 dicembre, 2016

 

> inaugurazione

lunedì 21 novembre 2016 – ore 17.00

 

Galería Casa de Carmen Montilla

L’Avana, Cuba

 

 

L’Ambasciata d’Italia a L’Avana è lieta di presentare, nell’ambito della XIX Settimana  della Cultura italiana in Cuba, la mostra fotografica Mantua, Cuba di Paolo Simonazzi, frutto di un progetto fotografico-letterario concepito nel 2015 insieme allo scrittore Davide Barilli.

Accompagna l’esposizione un libro Greta Edizioni (2016) con un racconto inedito di Davide Barilli ed un’introduzione di Andrea Tinterri, curatore della mostra. Il libro sarà presentato, sempre nell’ambito della XIX Settimana della Cultura italiana in Cuba, venerdì 25 novembre alle ore 15.30 presso la sede della Società Dante Alighieri ‘Casa Garibaldi’, Callejon Jústiz #21 e/Oficios y Baratillo, Habana Vieja. Mantua, Cuba è un progetto organizzato da BAG GALLERY, un marchio che rappresenta l’impegno nel contemporaneo, in particolare nel mondo della fotografia.

 

Galería Casa de Carmen Montilla

162 Oficios, Habana Vieja

L’Avana, Cuba

T +53 7 8668768

 

Orari di apertura:

9.00 – 17.00 | lunedì- sabato

 

Share this!
Share
ELISA MONTESSORI, RAFFAELLA BENETTI – Vanitas

ELISA MONTESSORI, RAFFAELLA BENETTI – Vanitas

Eventi News

ELISA MONTESSORI, RAFFAELLA BENETTI

VANITAS

a cura di Andrea Tinterri

19 novembre – 18 dicembre 2016

venerdì 18 novembre 2016 – ore 18.00

BAG GALLERY

Borgo Ronchini 3, Parma

 

Il 18 novembre alle 18.00, presso la sede di BAG Gallery di Parma, verrà inaugurata la mostra ‘Vanitas’ di Elisa Montessori e Raffaella Benetti. Due percorsi autonomi che si confrontano su un topós dell’arte: LA VANITAS. Un tema che affonda le proprie radici in area olandese, di cultura calvinista, del XVII secolo, per espandersi, ben  presto, in buona parte dell’Europa. L’esposizione è curata dal critico Andrea Tinterri, direttore delle BAG Gallery.

Share this!
Share